Giu 27

NBA Awards 2017

Questa notte si sono tenuti a New York gli NBA AWARDS, cerimonia dove vengono consegnati i premi individuali della stagione appena conclusa.

La serata è stata condotta dal rapper canadese Drake, come sappiamo super appassionato di pallacanestro, che si è praticamente improvvisato comico per introdurre la premiazione:

Il primo premio della serata viene consegnato a sorpresa a Malcom Brogdon, dei Milwaukee Bucks, che lo strappa dalle mani di Mario Saric più che da quelle di Joel Embiid. Malcom è il primo rookie a vincere il premio senza essere stato scelto al primo giro del draft, difatti dice di voler dedicare il premio ai giocatori sottovalutati.

Il premio Sesto Uomo dell’anno va ad Eric Gordon, dopo la straordinaria stagione sua e sopratutto dei Rockets, che vedono premiato, come già sapevamo, anche il loro coach Mike D’Antoni.

Il Difensore dell’Anno viene consegnato a Draymond Green, che finalmente dopo due secondi posti, quest’anno riesce a portare a casa il premio.

Il MIP, Giocatore Più Migliorato della stagione, va a Giannis Antetokounmpo, mentre Isaiah Thomas, a cui tanti avrebbero voluto dare l’MVP o almeno MIP, si accontenta dell’NBA Cares Community Awards.

Infine il momento più atteso, quello del premio più ambito, l’MVP.

Una stagione da capogiro, chiusa con la media di 31.4 Punti, 10.7 Rimbalzi e 10.4 Assist e ben 42 Triple-Doppie (QUARANTADUE, ci teniamo a ripeterlo), Russell Westbrook viene eletto il Miglior Giocatore della stagione regolare.

Finalmente il sogno si avvera, nel suo discorso dedica il premio ai suoi compagni, alla sua famiglia e sopratutto a sua moglie.

Impossibile sapere se potrà mai ripetersi in un’impresa del genere, ma Russ è una macchina da guerra, sempre pronto a migliorarsi e fare di più di quanto abbia già fatto, quindi mai dire mai!

danieletres

Aggiungi un commento a questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *